La dieta del Supermetabolismo di Haylie Pomroy

Soprannominata la donna che sussurra al metabolismo Haylie Pomroy è una nota nutrizionista americana che ha messo a punto questa dieta basandosi sul potere bruciagrassi degli alimenti.

La dieta promette di perdere fino a 10 chili nel giro di 28 giorni, ovviamente il peso varia individualmente a seconda di quanti chili si è in sovrappeso. Io per esempio, non ne avevo tanti da perdere, ma ero giunta ad un punto di stallo in cui, nonostante i miei sforzi in palestra e un’alimentazione abbastanza corretta, non riuscivo ad andare oltre a causa del metabolismo rallentato. Ho comunque perso 3 chili.

Più che una dieta per dimagrire va considerata come un protocollo di 28 giorni per dare una bella scossa al metabolismo. Non è facilissima da seguire, quindi se non siete convinti fin dall’inizio vi sconsiglio di iniziarla. Dovrete cucinare ogni pasto, calcolare la spesa che vi occorre per cucinare i piatti in modo che non vi manchi nulla durante la settimana, e soprattutto dovrete rinunciare ad alcuni alimenti che per noi italiani sono di uso quotidiano. Ma dopo questi punti a sfavore, un’ottimo vantaggio che vi posso dire su questa dieta è che SI MANGIA NON si contano le calorie, in quanto non è una dieta ipocalorica, ma semplicemente un’alimentazione che punta a riattivare il metabolismo attraverso una rotazione sistematica di cibi sani. Durante questi 28 giorni seguirete un’alimentazione assolutamente pulita e sana, che vi sarà sentire energici e in salute.

Per me le privazioni più importanti sono state il caffè e la pizza, ma vediamo insieme l’elenco dei prodotti da evitare:

  1. frumento 
  2. mais
  3. latticini e formaggi
  4. soia
  5. zuccheri raffinati
  6. caffeina
  7. alcol
  8. frutta essiccata o spremute
  9. edulcoranti artificiali, nitrati e conservanti chimici
  10. alimenti light o dietetici

Come funziona

La dieta si articola in 3 fasi:

  • FASE 1: lunedì e martedì. Si consumano carboidrati e frutta a volontà. OBIETTIVO: allentare tensione e stress.
  • FASE 2: mercoledì e giovedì. Previste proteine e verdure in grande quantità. OBIETTIVO: sbloccare il grasso accumulato e sviluppare massa muscolare.
  • FASE 3: venerdì, sabato e domenica. Si introducono grassi in abbondanza. OBIETTIVO: liberare la combustione bruciando i grassi sbloccati.ù

Si possono mangiare tutti gli alimenti precedenti, includendo però anche i grassi sani. Grazie a questa rotazione sistematica di alimenti precisi in giorni specifici e in orari strategici, l’organismo si trasforma seguendo un ciclo in cui si alternano riposo e ripresa attiva del metabolismo. Se siete abituati a fare i conti con le calorie, con questa dieta ve ne dovrete completamente dimenticare. Qui infatti, non si tratta di assumere meno calorie, ma di bruciarne. Magari conoscete come me diverse persone magre come chiodi, che ingurgitano tutto ciò che capita intorno, senza risentirne minimamente in termini di peso. Voi invece, che state sempre attenti a ciò che mangiate e svolgete attività fisica costantemente, non vedete calare i vostri chili di un solo etto. E’ una questione di metabolismo.

Le regole 

Oltre agli alimenti vietati, ci sono 10 regole semplici da seguire:

  1. mangiare 5 volte al giorno; 3 pasti e 2 spuntini, NON saltare nessun pasto 
  2. mangiare ogni 3-4 ore 
  3. fare colazione entro mezz’ora dal risveglio
  4. rispettare tutto il programma fino al 28 giorno, se sospendete la dieta per qualsiasi motivo, dopo occorre ricominciare dal primo giorno.
  5. attenersi agli alimenti consentiti in ciascuna fase in cui siete
  6. rispettare l’ordine delle fasi
  7. bere tanto (30 mm per ogni chilogrammo di peso corporeo)
  8. mangiare biologico, se possibile
  9. mangiare carne senza nitriti o nitrati
  10. svolgere esercizio fisico 3 volte a settimana: fase 1 attività aerobica intensa, fase 2 attività anaerobica, fase 3 attività rilassanti come massaggi, passeggiate o yoga.

La fase 2 risulta particolarmente critica, è quella che necessita di più forza di volontà. Mangiare prosciutto di tacchino a colazione non è il massimo ed occorre trovare quello senza nitrati (praticamente impossibile da trovare nei supermercati comuni). Fortunatamente, dopo le prime due settimane, sono riuscita a trovarlo al Naturasì, e questo mi ha facilitato parecchio nella preparazione delle colazioni. Nel caso non riusciate a trovarlo potete sostituirlo con gli albumi.

Altro punto a sfavore sono le dosi americane da tradurre in grammi. Per facilitare le cose vi consiglio di adottare direttamente il loro sistema di misurazione, la cup con le tacchette.

 

La lista degli ingredienti consentiti delle diverse fasi:

alimenti_dieta_supermetabolismo

 

Lascia un commento