Le mie grosse grasse vacanze greche e workout post rientro

Rieccomi di ritorno dalla bellissima Skiathos. Sapevate che i greci sono talmente accoglienti che spesso offrono un piccolo antipasto, il liquore di benvenuto e il dolcetto finale? Io no, ma i miei addominali l’hanno saputo quasi subito: offesi da ciò, sono svaniti e adesso mi ci devo riappacificare. Poi nel bel mezzo di queste varie offerte, dovrai pure ordinare qualcosa, altrimenti pare brutto che mangi a scrocco tutto il tempo, quindi ti ritrovi a mangiare quelle 3-4 portate che quando ti alzi dalla sedia si accusano tutte. Non che questo mi sia dispiaciuto, anzi, le vacanze per me si devono godere tutte, specialmente se capitano una volta l’anno.

La storiella di allenarsi in vacanza ha retto per i primi 5 giorni. Dopodiché è sopraggiunto il classico “tanto vale godersela”, che ha prevalso su tutti i buoni propositi iniziali, ma questo già me lo aspettavo prima di partire. Quando si dice perseveranza.

Dopo 12 giorni di alimentazione assolutamente libera, alla ricerca dei piatti più tipicamente Greci e del  Saganaki (tipico formaggio greco fritto in pastella, servito con miele) più appetitoso, torno “leggermente” gonfia, con liquidi accumulati tipo elicottero spegni incendio e fuori tono, nonostante l’abbronzatura decisamente da competizione. Ma che ci sta a fare il colore senza la forma? Assolutamente nulla, ma non lasciamoci scoraggiare, d’altronde abbiamo combinato anche di peggio.

Allora visto il caldo terrificante di questi giorni post-apocalittici, per rimettermi in forma ho pensato di dedicarmi per due-tre settimane esclusivamente alla corsa e ai miei esercizi preferiti a corpo libero, giusto per fare un rientro soft, per poi ricominciare l’allenamento con i pesi per bene a settembre in palestra. Anche perché di sollevare i pesi per adesso non se ne parla, ma anche di sgarrare come se non ci fosse un domani, direi che può bastare fino a Natale (a proposito, non vedo l’ora che arrivi, mancano solamente 138 gg…)

 

Cercando un workout semplice da fare, ma efficace per il ritrovamento della forma perduta, ho trovato questo da 30 esercizi, 10 ripetizioni ciascuno, utili per sviluppare forza, mobilità e flessibilità. Alcuni sono più semplici, altri per livelli più avanzati, fate quelli che potete, per me personalmente il #9 è impensabile da fare (non a caso si chiama “Ninja“, aka “il modo più semplice e immediato per far partire le ginocchia“. Se vi sentite di accettare la sfida, schiacciate il tasto play, guardate lo svolgimento dell’esercizio, mettete pausa e fatene 10 ripetizioni. E così via, fino a 30. L’obiettivo è di completarli tutti nel più breve tempo possibile, quindi segnatevi i tempi di esecuzione, perché ogni volta che lo ripeterete, dovrete cercare di battere il record precedente.

Attrezzatura richiesta:

  • Tappetino
  • Yoga ball (per gli esercizi #1, #6)
  • Una sedia per il #11 (si può anche fare senza)  #15, #18, #20, #25, #28

Buona sudata. 😀

 

Lascia un commento